Storie di UFO, intelligence, segreti...

Storie di UFO, intelligence, segreti, complotti, verità occultate, alta filosofia  ma anche filosofia spicciola che contempla l'esistenza certa di altre forme di vita aliene... un guazzabuglio di informazioni, notizie segrete che non sono segrete, funzionari che vanno in pensione e mettono su o si associano con qualche azienda Start up per rimpiguire le tasche e non per svelare al mondo certezze assolute...

Oggi il post della domenica vi offre questo articolo, da me compendiato e tradotto liberamente, tratto dal Washington Post su una vicenda in corso al Pentagono...

Poco prima di lasciare il suo incarico nel Dipartimento della Difesa due mesi fa, il funzionario dell'intelligence Luis Elizondo ha tranquillamente disposto per garantire il rilascio di tre dei video più insoliti nei caveau segreti del Pentagono: filmati grezzi di scontri tra jet da combattimento e un “anomalous aerial vehicles”  - gergo militare per gli UFO.

I video, tutti presi dalle telecamere della cabina di guida, mostrano i piloti che lottano per bloccare i loro radar sulla forme ovali che, sullo schermo, assomigliano vagamente a gigantesche scatole. Lo strano velivolo - non vengono fatte richieste circa le loro possibili origini - sembra librarsi brevemente prima di sprintare ad una velocità tale da provocare sussulti e grida dai piloti.

Elizondo, in un promemoria interno del Pentagono che richiede che i video venissero ripuliti per la visione pubblica, sosteneva che le immagini avrebbero potuto aiutare a istruire i piloti e migliorare la sicurezza aerea. Ma nelle interviste, ha detto che la sua intenzione finale era quella di far luce su un programma poco conosciuto, Elizondo stesso, che ha corso per sette anni: un'operazione di Defense Department per raccogliere e analizzare gli avvistamenti di UFO.

Attuali ed ex funzionari del Pentagono confermano che il programma del Pentagono esiste dal 2007 ed è stato creato allo scopo di raccogliere e analizzare una vasta gamma di "anomale minacce aerospaziali" che vanno dagli aerei avanzati schierati in campo dai tradizionali avversari statunitensi ai droni. Si tratta di un raro esempio di indagini governative in corso su un fenomeno UFO che è stato oggetto di molteplici inchieste ufficiali negli anni '50 e '60.

Come possiamo davvero sapere se non siamo soli nell'universo?

La spesa per il programma è stata di almeno 22 milioni di dollari, secondo gli ex funzionari e documenti del Pentagono visti dal Washington Post, ma il finanziamento si è ufficialmente concluso nel 2012. "È stato determinato che c'erano altri problemi con priorità più alta che meritavano il miglior interesse del DOD per apportare una modifica ", ha spiegato in una nota il portavoce del Pentagono Tom Crosson.

Ma i funzionari che hanno familiarità con l'iniziativa affermano che lo sforzo di raccolta è proseguito fino al mese scorso. Il programma funzionava congiuntamente fuori dal Pentagono e, almeno per un periodo, un complesso sotterraneo a Las Vegas gestito da Bigelow Aerospace, un appaltatore della difesa che costruisce moduli per stazioni spaziali. Ha generato almeno un rapporto, un volume di 490 pagine che descrive presunti avvistamenti UFO negli Stati Uniti e numerosi paesi stranieri nel corso di più decenni.

Né il Pentagono né alcuno dei dirigenti del programma hanno sostenuto prove conclusive di visitatori extraterrestri, ma Elizondo, citando account e dati raccolti dal suo ufficio per oltre un decennio, sostiene che i video e le altre prove non sono riuscite a generare il tipo di attenzione ad alto livello che egli ritiene sia giustificata. 

Nonostante prove schiaccianti sia ai livelli classificati che non classificati, "alcuni individui nel Dipartimento rimangono fermamente contrari a ulteriori ricerche su quella che potrebbe essere una minaccia tattica per i nostri piloti, marinai e soldati, e forse anche una minaccia esistenziale per la nostro sicurezza ", ha detto Elizondo... 

L'articolo del Washington Post continua... per chi volesse può leggerselo in proprio, ma non racconta niente di diverso di quello che ci si aspetta... Staremo a vedere...  Buona domenica!